Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Lamezia beach soccer domina Casagiove

,
579 0

LAMEZIA TERME – CASAGIOVE 7-1 (3-0; 1-1; 2-0)

ASD LAMEZIA TERME BEACH SOCCER: D’Augello, Rocca, Carnovale, Orlando, Muraca, Coscarelli, Lanzo, Cerminara, Grandinetti, El Madi. Allenatore: Saladino

PASTA REGGIA HERMES CASAGIOVE: Merola, Palumbo, Santonastaso, Corsale, Capobianco, Moxedano, Portone, Gravino, Manzo, Tenneriello. Allenatore: Corsale

ARBITRI: Buscema di Udine e Frau di Carbonia

MARCATORI: 4’pt Lanzo (L), 7’pt Orlando (L), 9’pt Orlando su rig. (L); 1’st Moxedano (C), 6’st Orlando (L); 1’tt El Madi (L), 7’tt Muraca (L), 12’tt Muraca (L)

NOTE: Cielo coperto con leggera pioggia a tratti. Ammoniti: Merola (C), Moxedano (C)

Per il secondo anno consecutivo, inizia nel migliore dei modi l’avventura in Coppa Italia del Lamezia Beach Soccer. I ragazzi di mister Saladino liquidano con un eloquente 7-1 la matricola Casagiove ed approdano ai quarti di finale dove si ritroveranno davanti un ostacolo decisamente più arduo, la corazzata Terracina, a sua volta impostasi sul Catanzaro Beach Soccer con un ancor più netto 11-2.

Nonostante privi degli squalificati Notaris e Mascaro, e dell’indisponibile Morelli, l’approccio al match dei lametini è più che buono. Appena quattro giri effettivi di lancette ed il portiere Lanzo, non nuovo a simili gesti tecnici, sblocca la parità iniziale segnando direttamente dalla propria area. Potrebbe arrivare subito il bis ma, a Merola battuto, il tiro degli avanti biancoverdi s’infrange contro la traversa. Battere il ferro finchè è caldo recita un noto proverbio, e Muraca e compagni saggiamente decidono di farlo, forti di un netto predominio territoriale. Al 7’ il bomber Orlando, bravo a tener palla e portarsi a spasso la retroguardia casertana, si procura e trasforma un calcio piazzato. Quindi triplica su tiro di rigore.

Maggiormente equilibrato il secondo tempo. La gara sembra riaprirsi quando Moxedano con una splendida sforbiciata al volo trafigge il neo entrato D’Augello. Casagiove inizia a spingere con una certa pericolosità ma D’Augello prima e Cerminara dopo ci mettono una pezza. In contropiede arriva piuttosto il 4-1, autore ancora una volta Carlo Orlando, bravo a fulminare l’estremo difensore avversario con un gran destro da metacampo, festeggiando, così, con una bella tripletta personale il proprio compleanno. Lamezia torna a dominare e Meola dice di no sulle due conclusioni ravvicinate, e consecutive, di Carnovale.

Così com’era accaduto nel primo, anche nel terzo parziale sono soltanto Muraca e compagni ad andare a segno. Momento di gloria pure per il classe ’95 El Madì, una delle new entry di quest’anno, lesto a correggere in rete un tiro-cross dalle retrovie di Orlando.

Nel frattempo Lanzo, tornato a difendere i pali dopo il tempo giocato dall’esperto D’Augello, abbassa la saracinesca sventando tre pericolose conclusioni campane.

Nel finale sale in cattedra capitan Muraca. Al 7’ strappa gli applausi dei presenti con un insistito palleggio volante e bordata sotto il set. Al 12’, dopo un’altra traversa, stavolta colpita da Rocca, sigla il definitivo 7-1 con un preciso ed angolato tiro libero.

Casagiove chiude in attacco, scontrandosi, tuttavia, sempre con i guanti di Lanzo. Finisce con la netta vittoria del Lamezia Beach Soccer che si assicura così, nella peggiore delle ipotesi, quantomeno la nona posizione finale. Piazzamento da cui si ripartirà domani, alle 14:30, quando la formazione allenata da Giuseppe Saladino incrocerà un Terracina infarcito di campioni e nazionali, compreso l’ultimo acquisto Carotenuto.