Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

“PER LAMEZIA – PER LA LEGALITÀ’ “

QUESTA SERA, VENERDÌ' 29, PIAZZA D'ARMI - LAMEZIA TERME - ORE 21
960 1
“PER LAMEZIA – PER LA LEGALITÀ’ “

Dopo la pioggerellina vivace e discontinua venuta giù per tutta la giornata di ieri ( e dell’altro ieri), accompagnata da un sensibile calo delle temperature, ecco oggi arrivato il “MASCARO DAY” a far verificare quale sarà nei prossimi giorni e nei prossimi mesi, il clima politico – amministrativo in questa Città , sospinta soltanto dall’inerzia del tempo e delle incertezze sul domani.

Avvocato Paolo Mascaro

Sta di certo che è stata , (ed è) pesante la prova giudiziaria non ancora conclusa che ha coinvolto la sua giunta ed il Consiglio comunale, tutto questo nel mentre , in altro luogo d’Italia molto lontano da Lamezia, si registrava un’altra riabilitazione politica, quella che ha vissuto il parlamentare lametino On. Giuseppe Galati.

Certo è che l’avvocato Paolo Mascaro non ha più tempo da perdere, nel mentre i capi di accusa che gli vengono “ affibbiati” pretendono la centralità di una democrazia certa e certificata e non ipotesi assurde ed azzardate, imposte sull’onda di ipotetiche  appartenenze giuridiche ( e non solo) che stanno soltanto mortificando ed uccidendo  quell’unicum dì pieno di democrazia che tira in causa il ruolo di una illegalità annusata e comunque anche vissuta.)

Ma anche il popolo, quello sempre più vessato e vero protagonista degli effetti nefasti di una povertà sempre più galoppante, vuole conoscere il perché, il come ed il quando questa martoriata terza città della Calabria sta vivendo sulla propria pelle, il tutto sol perché la macchina comunale, lasciata allo sbaraglio, non riesce a muovere neanche la polvere ammuffita e nauseante.

Si preferisce cancellare progetti che avrebbero dovuto garantire spinta alla macchina amministrativa, che invece annota pesanti chiusure . Perché? Ed ancora : perché? Perché si sta soltanto uccidendo la speranza e finire per rendere molto pericoloso il vuoto di potere ed ampliare il raggio della illegalità.

Già . Legalità. Ecco il tasto stonato. Di legalità si vive e di legalità anche si muore, perché in un regime democratico  non si può soffocare la speranza e non si può rendere impossibile la vita delle nostre giovani generazioni, e la stessa qualità della vita.

Un tema, questo, che renderà ancor più atteso, ritenendolo ancor più vivace, l’incontro di questa sera a Piazza D’Armi ( ore 19) dell’avvocato Paolo Mascaro  : ridare dignità a Lamezia; ridare legalità. Ridare speranze e certezze.

Ve lo si chiede come un bambino che sta aggrappato alla mammella della sua mamma. PER CRESCERE!”

  • Pincopallo

    Se Lamezia Terme fosse una città veramente civile, la sua gente dovrebbe sì recarsi alla “festa” (non è affatto chiaro, ai più, per cosa si debba festeggiare) per protestare nei confronti dello stesso ex Sindaco. Pensavo che i “festeggiamenti” fossero stati annullati e invece apprendo che sono stati solo rinviati per il maltempo. È bastata un po’ di pioggia per fermare quelle che, ascoltando le parole dei protagonisti, sarebbero atti eroici a difesa di alti principi, di legalità e di cultura. Don Chisciotte non approverebbe affatto! Ad ogni modo mi sfugge a cosa serva questa “grande festa”. È una festa contro lo Stato che sopprimerebbe le regole democratiche all’interno di una comunità mediante leggi democraticamente emanate e applicate dagli organi giudiziari? È una “festa” contro gli avvocati dello Stato che hanno esercitato un loro diritto attenendosi alle regole? È una “festa” contro il CdS che al quale è bastato poco per capire che la precedente sentenza era errata e per questo non ha “studiato”? È una “festa” contro la legge sullo scioglimento? Non ci sono forse altre vie, giuridiche, che proprio esperti di legge potrebbero imboccare per attivare l’iter che porta alla modifica di una legge ?(se proprio non piace a qualcuno?) È forse una “festa” contro i Commissari che sarebbero stati inefficienti perché anziché promuovere lo sviluppo sono stati, forse, troppo impegnati a ripulire prima il marcio? (tra l altro era questo il loro compito). Mi sfugge la ragione di questa “grande festa”…. posso solo supporre che l ex Sindaco voglia rimanere nella “storia di Lamezia” come un paladino delle libertà, una specie di eroe.., magari al fine di ricandidarsi un giorno… e forse molti crederanno in lui, anche perché convinti dai suoi “simpatizzanti” ( per usare un eufemismo)… Certo, molti crederanno in lui… molti ma non tutti… e la storia dirà che l ex Sindaco ha difeso strenuamente uno stato di fatto e un sistema giudicato “marcio” da leggi dello Stato.