Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Lamezia: si litiga anche sul nulla

,
467 0

Bisogna prendere atto che la città di Lamezia Terme non ha classe dirigente, o quantomeno questa ha preso le distanze dall’attuale classe politica, che ogni giorno di più mostra la sua inadeguatezza a tutelare gli interessi della città.

Il Presidente della Provincia Abramo entra a gamba tesa nella Politica cittadina, assumendo il ruolo di Babbo Natale che porta 30M€ da spendere sul territorio Lametino mentre la d.ssa Milena Liotta lo sconfessa affermando che erano soldi già ottenuti da Speranza.

Possibile che nessuno si renda conto di quanto ridicole siano tali dispute che hanno il solo scopo di confondere i cittadini per prendersi meriti che in realtà sono dichiarazioni di pochezza politica e incapacità logica.

Voglio dire alla dottoressa Liotta che il recupero urbano si fa con un PSC che affronti il problema, ne definisca i confini, ne fissi le regole e prepari Piani Particolareggiati con soluzioni condivise ed economicamente sostenibili.

Speranza ha lasciato alla città una proposta di PSC di infima qualità e privo di qualsiasi contenuto che faccia pensare alla regia  “intelligente”, nella certezza invece che ad ispiralo sia stato un acerrimo nemico della città.

Ed ecco che viene fuori il Salvatore della Patria, che avendo risolto tutti i problemi della città di Catanzaro si propone come Sindaco facente funzioni per Lamezia, portando un bottino come regalo di presentazione.

La verità è che la città da oltre un decennio viene depredata dei suoi punti di forza, riducendo enormemente la sua capacità di attrazione sul Comprensorio per farla diventare comprensorio Catanzarese.

Naturalmente Abramo fa il suo gioco a favore della sua Città, bisogna dirgli bravo, anzi bravissimo, gli incapaci siamo noi lametini che accettiamo tutto questo senza neanche reagire, eppure ormai la strategia è diventata così evidente da non poterla nascondere ulteriormente.

Questa fase Commissariale sta accelerando questo processo di disgregazione della città, e tutto questo con una azione determinante collaborazione dei dirigenti del nostro Comune, tra cui primeggia la dottoressa Belvedere che ha di fatto chiuso tutte le strutture  sportive e ricreative della città, sta facendo chiudere tutte le attività commerciali,  sta creando caos nei settori del patrimonio e condono edilizio.

Naturalmente la Commissione straordinaria sta a guardare mostrando una insensibilità sociale allarmante, certamente il loro contributo è indecifrabile.

Anche il ruolo dei due parlamentari di maggioranza è ermeneutico, capisco la gravità del peso assegnato a spalle fragili ma è ora di incominciare a produrre.