Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Lamezia Terme: Extravolti 2014, il progetto fotografico di Davide Iodice

Mostra fotografica di Davide Iodice, l'inaugurazione domani a Palazzo Nicotera
1.1K 0

L’Ordine degli Architett della provincia di Catanzaro, con il patrocinio del Comune di Lamezia Terme, organizza per il 16 luglio a Palazzo Nicotera, l’esposizione dei lavori di Davide Iodice, artista e musicista torinese che porta  il suo progetto fotografico EXTRAVOLTI.

Extravolti è un progetto fotografico realizzato con la collaborazione di personalità note ad un vasto pubblico. La caratteristica di questa serie è di avere personaggi di chiara fama scelti per la loro incidenza nella vita culturale e aperti verso ampi approcci creativi.
I soggetti di queste foto sono disposti ad apparire distorti e grotteschi in difesa della cultura ma anche a sostenere la volontà dell’essere umano verso la comprensione di fenomeni che li coinvolgono e, qualche volta, li travolgono. Cultura lontana dal nozionistico o aderente a etichette prestabilite, bensì come risultato di una esperienza soggettiva, spirituale e vitale.
Davide ha fotografato il viso con una semplice modalità di rappresentazione: il volto è appoggiato su una lastra di plexiglass trasparente con una evidente deformazione nei tratti somatici. La lastra diventa metafora della “lotta quotidiana” che ci distorce e deforma il profondo valore della cultura e della spiritualità – con freddezza e apparente trasparenza – sottraendone l’intimo valore.

Tutte le foto realizzate verranno esposte in contesti performativi dove l’osservatore deve fisicamente inserirsi nello status emotivo dei soggetti fotografati. Il senso di claustrofobia e strozzatura della cultura artistica odierna vuole essere rappresentata con un’installazione che obbliga l’osservatore a calarsi nella veste scomoda di difensore della cultura, contro le subdole forze che ne impediscono lo sviluppo. Per raggiungere tale scopo, le foto – su cornice a scatola – verranno posizionate ad altezze differenti in un ambiente scuro, dove le opere saranno distribuite all’ingresso della mostra.

A sostegno di questo progetto fotografico, vi saranno interviste realizzate a critici, galleristi, mecenati, ecc tutti autorevoli esponenti dell’intellighenzia italiana. L’audio di queste interviste saranno udite all’interno degli spazi espostivi insieme ad un suono/musica creato dallo stesso artista. Le interviste andranno a indagare i temi dell’arte e della creatività, con riflessioni che tendono a immaginare un futuro della cultura e delle possibili conseguenze nel mondo civile.

Riportiamo a seguire alcuni dei personaggi che hanno aderito al progetto: Alba Rohrwacher, Claudio Bisio, Morgan, Loredana Bertè, Stefano Bollani, Paolo Rossi, Carla Fracci, Margherita Hack, Gian Marco Tognazzi, Fabrizio Bosso, Leonardo Pieraccioni, Roy Paci, Marco Travaglio, Fiona May, Massimo Cacciari, Vinicio Capossela, Francesco Casorati, Enrico Colombotto Rosso, Lucio Dalla, Eugenio Finardi, Rosario Fiorello, Luca Argentero, Alessandro Haber, Linus, Luigi Lo Cascio, Giuliano Montaldo, Pali e Dispali, Arnaldo Pomodoro, Luca Ronconi, Giovanni Soldini, Gianni Vattimo, Stefania Belmondo, Andrea Chiarotti, Michele Trimarchi, Giancarlo Barolat, Gianfranco Vissani, Dario Ballantini, Valeria Paniccia, Enrico Robusti, Andy, Don Gallo, Loredana Furno, Mauro Bigonzetti, Caparezza, Paolo Fresu, Cristina Dona’, Samuel, Alberto Fortis, Paola Turci, Ugo Nespolo, Silvio Saffirio.