Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Lamezia Terme : rinasce la Fieragricola? Intanto si punta sulle eccellenze calabresi in vetrina

216 0

La Fieragricola di Lamezia Terme, germogliata, cresciuta e ben rispettata come un germe di ricche e garanti prospettive sullo sviluppo futuro di tale martoriata Regione, ha da oggi la nascita di un germoglio dall’incerto cammino.

Tutti guardavano alla sua prorompente vivacità di espansione, tanto che – a meno di dieci anni or sono- la sua presenza nell’economia  fondata sul ruolo dell’agricoltura costituiva una delle maggiori ed appetitose “ terre” di conquista; una carta puntata sui verdi tavoli della roulette ”  sui quali puntare  per le previsioni ( facili e contraddittorie) di  invitanti progetti di massima garanzia : dall’aeroporto allo sviluppo dell’area industriale” dal settore dei trasporti e perfino del turismo ed altro ancora .

Su tali progetti si incastonava anche il panorama futuro di Lamezia Terme, per effetto e causa di una rassegna fieristica che già – dopo soltanto 6 – 7 anni dalla sua nascita, veniva additata come la copia conforme ad altre rassegne fieristiche, nazionali e perfino internazionali.

Erano gli anni di una mirata “felicitade”, allargata a 360 gradi.

Poi, immancabilmente, sorsero i primi ostacoli e si smascherarono le bugie o le incapacità, permettendo al virus  del malaffare di attaccare ogni cosa. Quel progetto che oggi sembra voler rinascere, riguarda la Fieragricola di Lamezia Terme o, forse meglio, il desiderio di puntare sulle “ eccellenze” provenienti dai settori dell’agricoltura, dell’economia, del paesaggio.

Oggi, a comandare le danze sulle onde di insolite melodie, possiamo affermare che c’è un’Amministrazione comunale che s’è “ribellata” e s’ è risvegliata, consapevole che tali inizi si basano sulla ripresa di incerti percorsi compiuti grazie all’apporto di un “ fisioterapista sociale”, accorso in aiuto di chi è a conoscenza che tali percorsi “rischiano” di essere compiuti sulla spalle di straordinari “volontari”.

E la rassegna fieristica s’è messa in cammino. Le annunciate “eccellenze” di Calabria sono l’insieme di quanto sa offrire una economia allargata.

I padiglioni ,   con le ricche risorse di questa terra di Calabria, rendono ai loro spazi interni come delle invitanti  passerelle dove c’è il futuro a beneficio delle nuove generazioni.

Una rassegna fieristica basata sulla riscoperta dei sapori e dei saperi. E già: gli organizzatori, di concerto con   la neo Amministrazione comunale, hanno aperto i fari  sulla cultura del  territorio e dell’agricoltura, offrendo ai visitatori ( si sperano in tanti) dei convegni ad alta efficacia ed interesse. Basta questo per credere, per entrare in scena in punta di piedi; forse per non disturbare quelle rassegne che si sono liquefatte e che stanno comunque per ridare il testimone alle “eccellenze” calabresi, per nuove avventure e allettanti prospettive future.