Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Planetario itinerante in Sila

Dall'otto all'undici agosto tra Lorica e Villaggio Mancuso
846 0

Per il sesto anno consecutivo l’Ente Parco Nazionale della Sila offre la possibilità di far conoscere a tutti uno degli ambienti meno conosciuti, ma tra i più affascinanti di un Parco naturale: il cielo. Infatti, dopo il grande successo delle prime cinque edizioni di “Sotto i Cieli del Parco”, questo appuntamento consolida la proficua collaborazione tra il Parco Nazionale della Sila e l’associazione astronomica “Star Freedom Onlus” che da almeno due anni ha rinnovato il proiettore del planetario, puntando verso una definitiva digitalizzazione delle immagini, delle animazioni e della loro gestione. Anche quest’anno, uno degli ingredienti fondamentali è il rinnovamento dell’offerta proposta ai visitatori, che in questa edizione si condensa in almeno due novità: l’esclusivo spettacolo al planetario su “La nascita del Sistema Solare” ed una più ricca serata osservativa con nuovi contenuti e sottofondo musicale.

In un momento estremamente importante per il Parco Nazionale della Sila, dopo il riconoscimento, di recente ottenuto, come 10° Riserva della Biosfera italiana nella Rete Mondiale dei siti di eccellenza dell’UNESCO nell’ambito del programma MaB (Man and Biosphere) dell’Unesco, le attività proposte dall’Associazione “Star Freedom Onlus” si prefiggono di migliorare il rapporto tra uomo e ambiente e sposano appieno il lavoro dell’Ente Parco teso alla conservazione delle risorse naturali, alla riduzione della perdita di biodiversità e all’attuazione di uno sviluppo sostenibile.

In tal senso la salvaguardia delle “oasi di buio”, attraverso politiche che mirino all’abbattimento dell’inquinamento luminoso, sempre più crescente anche nelle aree protette, conduce a una relazione maggiormente equilibrata fra la comunità umana e gli ecosistemi.

Le attività proposte al pubblico dalla manifestazione “Sotto i Cieli del Parco” (lezioni a tema al planetario e le serate osservative) sono da sempre orientate a indurre nei visitatori del Parco una maggiore consapevolezza dell’ambiente naturale nella sua completezza, che comprende, non solo il paesaggio diurno, ma anche quello notturno, puntando ad a una fruizione di quest’ultimo,  invitando abitanti e visitatori a godere dei luoghi in cui anche il buio è protetto.

Planetario

D’altronde il cielo è un patrimonio naturale proprio come una qualsiasi riserva naturale terrestre e l’UNESCO nel 1992 ha dichiarato il cielo stellato “patrimonio mondiale” da proteggere e conservare con ogni mezzo.

I parchi, ed in particolar modo quello della Sila, possiedono ancora delle isole di buio per le generazioni future, luoghi nei quali sarà possibile, specialmente in Paesi densamente popolati come il nostro, osservare l’integrità del paesaggio notturno.

Proprio per tali ragioni l’associazione Star Freedom Onlus ha sempre sostenuto con forza, soprattutto attraverso le proprie attività, la candidatura del Parco silano al primo riconoscimento UNESCO (MaB) e quest’anno sosterrà con il medesimo entusiasmo la candidatura per l’inserimento del Parco Nazionale della Sila nella “World Heritage List” UNESCO come patrimonio dell’umanità.

La novità del 2014 è l’aggiunta di una nuova modalità di presentare le scienze astronomiche attraverso un planetario: l’utilizzo di un vero e proprio film con proiezione full-dome (a tutta cupola) specificatamente realizzato per catturare l’interesse degli spettatori con effetti speciali e immagini spettacolari che daranno l’idea di un vera e propria immersione nello spazio.ParcodellaSila

Il video, prodotto da Antares full-dome, è intitolato “La nascita del Sistema Solare” ed è centrato sull’evoluzione della nostra stella Sole e dei pianeti che sono i compagni di viaggio della nostra Terra. Questo speciale spettacolo, ripetibile 1 o 2 volte al giorno, avrà inizio con un’introduzione dal vivo degli operatori che poi lasceranno spazio alle immagini, alla musica e al commento del film che avrà una durata di circa 22 minuti. Al termine gli operatori riprenderanno la parola per mostrare il cielo del periodo e guidare gli spettatori al riconoscimento dei pianeti visibili dal vivo nelle notti di agosto.

Gli altri spettacoli al planetario verranno articolati in maniera classica con la guida costante del commento degli operatori, alla scoperta del cielo diurno e notturno del mese, con particolare attenzione all’orientamento, al riconoscimento delle costellazioni e stelle del periodo e al fenomeno delle stelle cadenti. Anche questi spettacoli potranno essere differenziati e tematizzati creando una maggiore varietà dell’offerta proposta. Partendo da una base comune di osservazione del cielo del mese, si potrà poi proseguire indirizzando il pubblico su temi quali: “Un anno di costellazioni tra mitologia e leggende” o “Alla scoperta delle bellezze del cosmo”.

Durante la notte di San Lorenzo, Lorica potrà essere pacificamente invasa dagli appassionati delle stelle e dagli amanti dei fenomeni naturali, attratti dall’evento che nell’agosto 2013 ha raccolto un grande interesse di pubblico: la serata osservativa organizzata dall’Associazione Star Freedom Onlus e dall’Ente Parco Nazionale della Sila.

Ciò che sarà rinnovato nell’edizione 2014 saranno i contenuti delle “letture mitologiche” che negli scorsi anni hanno contribuito così tanto a creare quella magica atmosfera che ha permesso a questo evento di restare nei cuori dei visitatori. L’emozione che si accompagna all’osservazione delle stelle, della luna e dell’intera volta celeste, sarà accompagnata da nuovi testi, nuove scelte di prosa e di poesia. Sul luogo dell’osservazione notturna sarà quindi creata una suggestiva atmosfera utilizzando solo la luce della Luna e delle decine di candele che daranno forma allo spazio in cui avvengono le letture. I testi saranno accompagnati da una leggera musica di sottofondo, come potrebbe essere quella delle semplici note di una chitarra dal vivo, donando ancora più suggestione all’evento notturno.

La seconda parte della serata ricalcherà invece lo schema che il pubblico di Lorica ha apprezzato tanto negli ultimi cinque anni. Piegando verso gli aspetti più puramente scientifici dell’osservazione astronomica, si aprirà l’esplorazione del cielo con i telescopi dell’associazione e la proiezione della superficie della Luna in diretta su uno schermo, ripresa grazie a una particolare telecamera. Le immagini così ottenute potranno essere ‘’catturate’’ con un semplice clic dagli stessi intervenuti che potranno portare a casa le immagini digitali così ottenute.

La partecipazione per il pubblico a tutte le attività è gratuita.