Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Il rispetto dell’ordine nel servizio pubblico non è unilaterale.

Alcuni casi che fanno discutere a Lamezia Terme.
266 1
Il rispetto dell’ordine nel servizio pubblico non è unilaterale.

Il deposito in un luogo pubblico cittadino, effettuato al di fuori dai previsti cassonetti di raccolta di rifiuti solidi urbani, è rigorosamente sanzionabile. Bene hanno fatto, quindi , i vigili urbani di Lamezia Terme a verbalizzare tale gesto compiuto da alcune persone (non sappiamo se erano italiani o immigrati) che avevano abbandonato in un angolo della città i loro sacchetti previsti per tale servizio.

Non conosciamo l’importo  di tale sanzione apposta; ma è certo che il fatto sia avvenuto e che la sanzione non fa meraviglia alcuna, visto e considerato – oltretutto- che la città è ricoperta da montagne di rifiuti solidi urbani e che la Lamezia Multiservizi latita ( per mancanza di personale e di soldi) nel mantenere  l’ordine e la pulizia, nel tentativo di salvaguardare l’ambiente che ci sta attorno.

Il lettore, a questo punto, aggiungerà: “ ma è niente di eccezionale; in  fondo, s’è trattato di un gesto di ordinario servizio ( quello dei vigili), di fatto non bisognevole di essere osannato come un accadimento straordinario”. In effetti, riteniamo  però che vadano parimenti elogiati coloro che tutelano la salubrità dell’ambiente e la sicurezza dei cittadini, specialmente di coloro che vivono in zone malsane ( per l’abbandono dei sacchetti dei rifiuti) e prive di servizi pubblici necessari, come l’illuminazione in diverse strade urbane, sia di periferia che di pieno centro.

Così non è. Esempio pratico : l’alta zona a rischio che si evidenzia in via Nazario Sauro, centro del centro di Lamezia, dove da alcuni anni non esistono gli appositi cassonetti di raccolta, costringendo i cittadini a recarsi altrove, spesso a piedi e tra il buio totale (vedasi sempre via Nazario Sauro).

Da tenere anche in considerazione che tale sito urbano (ma lo è per centinaia di altri siti) è invaso da decine di animali che con la notte diventano estremamente pericolosi ( come cani randagi, topi di qualsiasi dimensione, zanzare e mosconi ( in primavera ed estate, e così via).

Ed i cittadini – contribuenti le tasse le pagano, e come; altrimenti apriti cielo con gli esattori!)

Come la mettiamo, signori Commissari? Queste sono “altre” cose che non funzionano, altro che le pericolosità in parecchie strutture pubbliche!

Noi concludiamo con due soliti inviti, facili , facili   : ricreare i posti di raccolta dei rifiuti attrezzandoli con appositi cassonetti : non sarebbe una concessione, quanto un rispondere per il giusto verso a Totò, che ebbe a dire : “ ed  io pago”!.

In secondo luogo ( ed  anche questo un compitino facile facile) : far installare l’illuminazione pubblica ove intere famiglie stanno vivendo completamente al buio: e sempre in via Nazario Sauro!