Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Si riunisce la Commissione Speciale di Vigilanza della Regione Calabria

Saranno anche consultati i sindacati con riferimento alla vertenza Calabria.it
708 0

Con l’inizio della nuova settimana, l’agenda politica della Regione Calabria si rimette in fibrillazione dopo una certa pausa dovuta, più che altro all’improvvisa scomparsa del Segretario Generale del Consiglio regionale.
Per giovedì 19 si annuncia come particolarmente significativa la riunione della Commissione speciale di Vigilanza, convocata dal Presidente Aurelio Chizzoniti.

La Commissione, infatti, esaminerà la deliberazione della sezione calabrese dei Corte dei Conti n.26/2014 avente ad oggetto i rendiconti dei gruppi consiliari; le audizioni delle rappresentanze del terzo settore ed il dipartimento Politiche sociali della Giunta regionale anche alla luce della recente sentenza pronunciata dalla Corte di Appello di Catanzaro in ordine alla dotazione del Fondo Sociale Regionale.
Inoltre, saranno auditi i sindacati con riferimento alla vertenza Calabria. IT;

Il Commissario straordinario dell’Asp di Reggio Calabria in relazione al pagamento dei crediti rivendicati dall’associazione Villa Betania onlus e dai centri similari ed in merito alle modalità di conferimento nella stessa Asp degli incarichi apicali e non, ed anche per conoscere le iniziative assunte finalizzate alla soluzione della delicatissima problematica sollevata dall’Associazione UNASAM.

È una seduta che si prospetta particolarmente importante – ha detto il presidente Chizzoniti – con particolare riguardo all’esame della determinazione della Corte dei Conti, su cui, sono certo, la Commissione elaborerà una doviziosa quanto deferente  risposta istituzionale tesa al doveroso chiarimento di molti equivoci.
“Inoltre, intendo sottolineare”, ha proseguito Chizzoniti, “ lo sforzo che anche questo organismo ha posto in essere per assicurare a centinaia di famiglie calabresi ed alle strutture del terziario sociale che erogano servizi di assistenza, continuità delle prestazioni e, infine, chiederemo al Commissario straordinario dell’Asp 5 di conoscere i criteri ispiratori adottati per l’assegnazione degli incarichi di direzione nell’ambito dei servizi di competenza della stessa Asp, nonché lo status dell’iter procedurale volto alla realizzazione delle “strutture di sicurezza alternative alla detenzione” di cui alla L. 81/14. Mentre per quel che riguarda la sistematica violazione della L. R. 24/13 che tutela i livelli occupazionali dei numerosi dipendenti di Calabria IT  quella parte della politica ed i sempre più mortificati 132 dipendenti che credono nella giustizia attendono risposte dalla Procura della Repubblica adita in mancanza delle quali in Calabria evidentemente le Leggi Regionali possono essere impunemente considerate “carta straccia” emulando l’arrogante Otto von Bismark che tali riteneva i trattati di pace