Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Speranza condivide l’ipotesi di far slittare l’inizio dell’anno scolastico per favorire il turismo

Mentre la presidente Stasi pare stia prendendo contatti con gli altri governatori del sud, per far suonare la prima campanella il 22 settembre
681 2

Il sindaco di Lamezia Terme Gianni Speranza non manca di partecipare al dibattito sui grandi temi, in vista delle probabili primarie della coalizione del centrosinistra. Oggi interviene sul tema del prolungamento delle vacanze a settembre, per consentire un periodo di riposo maggiore per le famiglie e un pò di turismo in più, per gli operatori del settore.

Il ministro Stefania Giannini ha respinto la proposta del sindaco di Forte dei Marmi di rinviare l’inizio dell’anno scolastico. L’idea non è un toccasana per la crisi del turismo – dice Speranzagiannisperanza – ma potrebbe rappresentare uno stimolo a tante famiglie per andare in vacanza a Settembre.

Certamente la crisi del turismo ha bisogno di interventi più profondi e più strutturali, a iniziare dall’annoso problema della depurazione di intere tratte della nostra costa come esce dai dati allarmanti di Lega Ambiente.

Non basta avere delle acque balneabili, e in molti tratti della nostra regione nemmeno è così, ma serve lavorare per avere un mare cristallino e trasparente.Serve una politica di programmazione che si basi sulla salvaguardia del territorio, sulla non cementificazione delle coste, sulla valorizzazione dei borghi e delle bellezze calabresi.

Nel frattempo però la Presidente Stasi e la giunta regionale potrebbe rinviare l’apertura delle scuole in Calabria al 22 settembre e prendere contatti con i presidenti delle regioni limitrofe, Campania, Basilicata, Sicilia e Puglia, per fare altrettanto tenendo conto che ormai la stagione turistica, da alcuni anni, è slittata in avanti. Le richieste maggiori si hanno da ferragosto ai primi di settembre. L’idea non è risolutiva ma andrebbe tentata senza alcun danno per l’anno scolastico. La settimana scolastica persa si potrebbe tranquillamente recuperare nel mese di giugno quando le scuole già non vengono frequentate.