Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Sulla rampa di lancio i primi ricorsi dei non eletti al Consiglio

E' il caso di De Nisi candidato con il Pd nella circoscrizione centro
730 0

Finite le elezioni ed in attesa della proclamazione degli eletti al Consiglio regionale calabrese iniziano a partire le attività per gli avvocati che producono ricorsi e documentazione di supporto. Al Tribunale di Cosenza va avanti il riconteggio dei voti delle sezioni mancanti di Castrolibero, Sul caso del seggio di Wanda Ferro, potenziale capo dell’opposizione, nonostante l’autoproclamazione di Ennio Morrone , regna ancora una confusione interpretativa che solo l’intervento della commissione elettorale potrà dipanare. Ma non è solo questo oggetto del discutere e dubitare. Il candidato Pd Francesco De Nisi, ex presidente della Provincia di Vibo, ha già depositato una memoria – redatta dall’avvocato Pino Pitaro – alla Corte d’Appello di Catanzaro perché, secondo i suoi calcoli, il bottino elettorale raccolto (8779 voti nella circoscrizione Centro) farebbe di lui il candidato che su scala regionale ha il resto maggiore e, quindi, gli spetterebbe uno dei seggi assegnati alla coalizione di centrosinistra in virtù del premio di maggioranza. Annuncia di voler ricorrere alle vie legali anche Rocco Sciarrone, consigliere provinciale reggino candidato a supporto di Oliverio nella lista “Calabria in rete”, che sostiene che il Pd non dovrebbe ottenere tre seggi anche nella circoscrizione Sud perché in questo caso le percentuali dei dem sono più basse rispetto agli altri due collegi. In sostanza, quindi, Sciarrone rivendica il seggio che è stato assegnato a Mimmo Battaglia, suo collega nel consiglio provinciale reggino.