Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Sullo stato attuale della politica regionale, duro attacco da parte dei consiglieri regionali del Gruppo Misto, Fausto Orsomarso e Mimmo Tallini

Per i consiglieri regionali Fausto Orsomarso e Mimmo Tallini è deludente il nuovo corso della politica regionale
412 0

Fa discutere, e non poco, il nuovo corso della politica regionale iniziato con Mario Oliverio al suo timone, secondo le valutazioni politiche di due consiglieri regionali del Gruppo Misto, Fausto Orsomarso e Mimmo Tallini, intervenuti sul tema sottolineando che “dopo aver criticato quanto fatto nel passato, il primo provvedimento legislativo della presidenza Oliverio è stato bocciato dal Governo per aver violato lo Statuto della Regione.

Stessa cosa si sta prefigurando per l’Azienda sanitaria unica.

E’ desolante constatare una mediocrità legislativa ed amministrativa che la Calabria non aveva mai conosciuto.

Davanti a noi c’è una Regione bloccata in ogni settore, con i rischi di danno patrimoniale che implica la scelta sbagliata della procedura di revoca dei direttori generali, e la prospettiva di una politica che, incapace di risolvere i problemi dei calabresi, procede a slogan, violando le regole e con inciuci continui.

Ora addirittura – spiegano Orsomarso e Tallini – s’intenderebbe intervenire nella sanità per accentrare tutto in un’unica Asl, in contrasto con il Commissario indicato dal Governo, in contrasto con una realtà in cui i precedenti accorpamenti sono ancora da perfezionare e senza alcun dibattito in Consiglio regionale. Quasi come se su un tema così complesso bastasse la decisione dall’uomo solo al comando”.

Concludono Orsomarso e Tallini: “All’uomo solo al comando sarebbe tempo che tutte le forze politiche ricordassero che nel Sistema-Regione, diverso da un ente locale, c’è anche un organo chiamato Consiglio regionale e che ci sono articolazioni istituzionali chiamate Commissioni, dove debbono andare, prima di essere approvate dall’Aula, tutte le proposte di legge, per essere oggetto di una fisiologica discussione aperta anche alle forze sociali”.