Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Tre concerti, un dj-set, proiezioni, una fiera del vinile e un workshop.

Appuntamento da non mancare quello del prossimo 26 dicembre all’Hotel Miramare-
334 0

È una giornata ricca di proposte, spunti e occasioni quella in programma per il 26 dicembre all’ex Hotel Miramare, che ospiterà il primo Extra della rassegna “Beat Up!”, percorso di live e eventi culturali nato dalla collaborazione tra l’associazione culturale “Meno1” e Francesco Villari, che ne cura la direzione artistica. Dopo mesi di live serali che hanno esplorato gli angoli più scuri del rock’n’roll, dal garage al beat, dal punk al prog e alla psichedelia, “Beat Up!” alza il tiro e il 26 dicembre propone un’intera giornata di musica e concerti. Si inizia alle 15.30 con una fiera del vinile che vedrà approdare sulla riva dello Stretto espositori calabresi e siciliani e un workshop gratuito di Swing & Lindy Hop, curato da SwingPills Centro Danza Etoile, mentre “She’s a Rainbow” dj set si occuperà si invadere con suoni e note le sale dello storico hotel, che ospiteranno anche esposizioni e proiezioni.

Fin dall’apertura sarà attiva un’area bar, gestita dall’associazione “Meno 1”, e dal tardo pomeriggio sarà disponibile un aperitivo a cura di “Zio Fedele”.

Alle 21 iniziano i concerti, che promettono di far tremare le grandi vetrate del Miramare. Sul palco del primo Extra di Beat Up! si alterneranno i mantovani Yonic South, i catanesi Stash Raiders e i calabresi Mckenzie. Sbrindellati e contagiosi nella loro energia, saranno i Yonic South a riscaldare il palco con i loro ritmi ossessivi e riff “scemi” che non riescono a nascondere un’evidente perizia tecnica. Dopo di loro, tocca agli Stash Raiders. Fresco di partecipazione al festival per il trentennale degli Uzeda, il quartetto catanese che promette un viaggio psichedelico in cui si intrecciano gli ambienti musicali di Talking Heads, Morphine, Swans, Bangles, James Brown e Fall, agghindati con l’attitudine un po’ pop, un po’ di garage, un po’ di blues, un po’ di punk, un po’ di funk che ne caratterizza le sfumature. Chiudono la rassegna i calabresi McKenzie, che a Reggio presentano “Falena”, il primo disco della band registrato nel dicembre 2016 al Monopattino Recording Studio di Peppe De Angelis, con la produzione artistica di Vladimir Costabile, masterizzato da Giulio Ragno Favero e l’artwork di Pasquale De Sensi, uscito proprio sul finire del 2018. La band ha delle sonorità tanto dure quanto malinconiche e cantano in italiano delle “dinamiche relazionali che improvvisamente non funzionano più e lasciano con la nera incertezza del cosa rimane”.

La fiera, le esposizioni e le proposte culturali del pomeriggio sono totalmente gratuite, per i concerti il ticket è di 10 euro e i biglietti si possono acquistare in prevendita (con una consumazione in omaggio) al Meno1 Art & music culture, in via Possidonea 27 di Reggio Calabria, oppure all’ingresso la sera stessa.