Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Wind aumenta i volumi di traffico ad Infocontact

SL CGIL Calabria: si va nella giusta direzione
554 0

La notizia comunicata dal commissario giudiziale di Infocontact Prof. Perrini, circa l’aumento, seppur temporaneo, dei volumi di traffico di Wind da metà settembre, è sicuramente una notizia positiva che fan ben sperare per il raggiungimento di una soluzione positiva della vertenza Infocontact. Il superamento di una proprietà inaffidabile e l’arrivo di un nuovo interlocutore sta cominciando a portare i frutti di una rivendicazione che come sindacato sosteniamo da tempo.

Infocontact è una azienda composta da lavoratori di grande qualità e professionalità, che lavora importanti commesse per aziende leader nel mercato italiano dei settori telefonici, energetici ed assicurativi. La mala gestione prodotta negli anni ha portato ad un debito che supera i 60 milioni di euro. Ciò ha comportato innumerevoli sacrifici, non solo economici, per le lavoratrici ed i lavoratori calabresi dipendenti e collaboratori di questa azienda. Con salari ridotti prima e congelati poi, forti preoccupazioni per il futuro, assenza di certezze, notizie incontrollate, i lavoratori di Infocontact hanno vissuto momenti estremamente difficili in questi ultimi mesi. Eppure con abnegazione, competenza e perseveranza hanno lottato per il proprio lavoro garantendo al contempo continuità nel proseguo delle lavorazioni.

La concertazione costruttiva tra le parti istituzionali e sociali comincia a portare i primi risultati positivi, ma questo non deve portare ad un abbassamento del livello di attenzione sulla vertenza Infocontact, che deve traguardare garanzia occupazionale in Calabria per 1.800 lavoratori. C’è l’esigenza di continuare tutti insieme a lavorare sulle committenti, specificando che oggi gli scenari sono diversi, l’azienda ha un nuovo timoniere di nomina istituzionale che di concerto con il sindacato sta tentando di frenare l’emorragia di attività ed attenuare il debito.

Questa è la nota stampa giuntaci dal sindacato SLC CGIL Calabria che, con attenzione, sta seguendo la vicenda dell’azienda calabrese con l’obiettivo di rimanere al fianco ed al sostegno di chi ha il compito, istituzionalmente riconosciuto, di traguardare la salvaguardia occupazionale per 1.800 lavoratori, favorendo interlocuzioni con le parti istituzionali, con le committenti e con le società che hanno manifestato interesse a voler rilevare attività e lavoratori di Infocontact.