I benefici della certificazione FSSC 22000 per esportare i tuoi prodotti

I benefici della certificazione FSSC 22000 per esportare i tuoi prodotti

Non è affatto scontato parlare di sicurezza alimentare, qualità e certificazione, ma la sicurezza aziendale e quindi la protezione della salute delle persone dai pericoli alimentari è una questione che non può essere ignorata.

Da tempo i produttori alimentari e i servizi correlati possono fare riferimento a una serie di certificazioni internazionali per l’organizzazione e nello sviluppo del proprio business.

Un esempio, ne è lo Standard Internazionale per la sicurezza, qualità e legalità degli alimenti, noto anche come FSSC 22000. Questo nasce nel 2009, dalla  Foundation of Food Safety Certification, composta dai può importanti attori del comparto alimentare, in risposta all’esigenza di migliorare e approfondire il contenuto della ISO 22000, applicabile a qualsiasi operatore della filiera agroalimentare.

In particolare, si voluto agire, combinando i requisiti della norma sui sistemi di gestione per la sicurezza alimentare, ISO 22000, con quanto previsto da altre norme tecniche quali ISO/TS 22002 e PAS 220, in merito alla definizione dei prerequisiti di base per la sicurezza alimentare in ogni settore.

L’obiettivo di questa attività ed i più grandi benefici della certificazione FSSC 22000 per esportare i tuoi prodotti, è allineare la tua organizzazione alimentare, ai requisiti internazionali, assicurando ai consumatori alimenti sicuri al consumo, tutelati da possibili frodi.

Benefici della certificazione FSSC 2000 per esportare: cosa c’è da sapere

La certificazione alimentare e internazionale comprende una serie di norme e standard necessari per valutare se un prodotto soddisfi i requisiti di sicurezza alimentare, qualità e legalità del prodotto.

Il commercio alimentare è ormai globalizzato, portando enormi vantaggi ai consumatori ed alle aziende. I consumatori, infatti, hanno accesso a molti alimenti di alta qualità, affidabili e convenienti.

Tra i benefici della certificazione FSSC 2000 per esportare i tuoi prodotti, possiamo trovare gli strumenti che ti permetteranno di valutare ed adottare delle attività a protezione e tutela della salute del consumatore.

Come per esempio, le GAP (Good Agricultural Practice), PRP, (Prerequisite Programs), GMP (Good Manufacturing Practice), GHP (Good Hygiene Practice).Tutto nell’adozione di un sistema HACCP (Risk Analysis and Critical Control Points), o HARPC (Hazard Analysis and Risk Based Preventive Control), per il territorio americano.

Attività necessarie per la valutazione ed abbattimento dei pericoli alimentari che possono essere dannosi per la salute umana. Biologici, Chimici, Fisici e Radio, conducibili.

La certificazione del sistema di sicurezza alimentare per la sicurezza e la gestione della qualità degli alimenti e dei mangimi (FSSC 22000) è uno schema riconosciuto a livello internazionale.

E può essere adottato dai produttori trasformatori di alimenti e mangimi, produttori di materiali a contatto con gli alimenti, MOCA, e servizi correlati, come per esempio la logistica e le attività di brokeraggio.

Il Food Safety System Certification 22000, è composto dai requisiti definiti dalla norma internazionale ISO 22000, la norma tecnica di settore ISO 22002, e requisiti specifici degli standard GFSI, come la food defense e da food fraud.

Riconosciuta da GFSI, Global Food Safety Initiative, questa certificazione è la massima espressione dell’impegno del settore della sicurezza, qualità e legalità alimentare.

Riconosciuta e richiesta dalla grande distribuzione organizzata e dai grandi attori commerciali, alla pari della certificazione BRCGS, ed IFS. Entrambe nate dalla grande distribuzione come modelli di qualifica dei produttori a marchio del retailer.

Consigliamo alle organizzazioni, l’implementazione dello standard FSSC 22000, perché al contrario degli altri due, fornisce una struttura organizzativa simile ad altre norme come per la qualità, ambiente e sicurezza, fornendo una gestione strategica più efficace.

Per approfondire i requisiti dello standard, le tempistiche di ottenimento, i costi necessari a raggiungere questa importante certificazione alimentare, ti consigliamo l’utile lettura che puoi trovare a questa pagina: https://www.sistemieconsulenze.it/certificazione-fssc-22000/

Certificazione per la sicurezza qualità e legalità alimentare: vantaggi

Come abbiamo più volte sottolineato nell’articolo, lo scopo di questa certificazione alimentare è quello di rendere più chiari i requisiti di da rispettare e le modalità di gestione del sistema di sicurezza alimentare nella filiera alimentare, in modo da poter fornire tutte le evidenze a tutela del consumatore a livello internazionale.

Tra i benefici della certificazione FSSC 22000, possiamo trovare quello di aprire le porte ai mercati globali, fornendo una visibilità e miglioramento della reputazione a livello internazionale.

Vediamo quelli che sono i maggiori benefici della certificazione FSSC 22000 per la tua organizzazione:

  • Adottare un sistema documentato, che permetta di prendere decisioni per il miglioramento continuo, basate su dati ed evidenze;
  • Definire l’impegno dell’organizzazione, la definizione dei ruoli, risorse per raggiungere degli obiettivi di sicurezza, qualità e legalità alimentare;
  • Implementare sistemi di definizione dei prerequisiti, valutazione, gestione ed abbattimento, per i pericoli alimentari a tutela della salute dei consumatori;
  • Gestione armonizzata delle normative obbligatorie da rispettare a livello internazionale. Per il paese di produzione e quelli di commercializzazione;
  • Gestione efficace della tracciabilità ordinaria, durante le emergenze e le attività di ritiro richiamo;
  • Capacità di progettare alimenti sicuri, monitorandoli lungo tutta la filiera di produzione, ed assicurandone la sicurezza, tramite un coerente rilascio del prodotto;
  • Adottare attività di protezione del prodotto contro attività intenzionale, food fraud, e nei confronti delle frodi, food fraud;
  • Ottimizzare tutte le fasi di processo, minimizzandone gli sprechi e le inefficienze;
  • Adottare sistemi per una gestione efficiente delle risorse tecnico e strutturali;
  • Migliorare la competenza e la consapevolezza delle risorse umane, grazie al miglioramento della cultura per la sicurezza alimentare;
  • Migliorare i flussi delle informazioni e della comunicazione interna ed esterna;
  • Capacità di gestire rapporti commerciali con i clienti per la loro massima sicurezza e soddisfazione;
  • Velocizzare i processi di qualifica come fornitore alimentare;
  • Adottare uno standard di certificazione internazionale facilmente integrabile con le altre norme di certificazione più richieste;
  • Avere un certificato con valore legale, rilasciato da un ente terzo, che permetterà in caso di controversie, di dimostrare che sia stato fatto tutto il necessario per assicurare il rispetto dei requisiti;
  • Diminuire le attività di ispezione da parte degli organi ufficiali;
  • Migliorare la reputazione e visibilità aziendale;
  • Proteggere i propri investimenti, e tutelare la propria azienda e gli alimenti prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.