Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Il Salento incorona il Grande stilista dalle soluzioni originali

Le creazioni dell'artista lametino sono sfilate tra le bellezze della natura pugliese, in un connubio tra arte e turismo
829 0

Anton Giulio Grande incanta anche  il Salento con la sua nuova collezione di alta moda presentata nella splendida cornice di Porto Cesareo Terme. Simbolo vivo  di un lembo di terra che non ha mai perso un grammo del suo millenario fascino greco-romano, la cittadina pugliese, meta rinomata di migliaia di turisti provenienti da varie parti del mondo, è stata teatro di una bellissima serata dedicata alle espressioni piu’ creative e talentuose della moda.Unico riconoscimento, quello conferito dal sindaco di Porto Cesareo Terme, Salvatore Albano, proprio allo stilista calabrese con una ‘causale’ emblematica del rilievo  internazionale ormai assunto dalla maison AGG e al termine di una sfilata sontuosa per i colori e l’estro donati ad un pubblico entusiasta. Il premio ad Anton Giulio Grande – recita la motivazione – “ vuole evidenziare l’impegno ventennale  profuso dal maestro calabrese nella promozione della moda italiana nel mondo, attraverso la ricerca e l’adozione di soluzioni sempre originali e di tendenza nel disegno degli abiti di alta moda”.

Ma esso è anche un tributo alla sua capacità di stabilire  relazioni commerciali  proficue  nelle piazze piu’ prestigiose dell’alta moda continentale, vedi Roma,  Milano, Parigi, Montecarlo, Lugano, Liechtstein  e altre capitali.

Sono felice di aver vissuto questa bellissima esperienza – ha dichiarato Anton Giulio Grande al termine della serata di gala – il Salento è uno scrigno  straordinario di tesori naturalistici, storici e artistici ancora così bene intrecciati con le nostre radici elleniche. La Puglia si conferma un modello da seguire data l’attitudine molto diffusa a livello istituzione a promuovere i suoi migliori talenti nel campo della moda, legandoli strategicamente ai territori e realizzando quindi il binomio virtuoso turismo-moda.