Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Lamezia : passano il Bilancio di previsione 2016, il piano triennale OO.PP ed il piano delle alienazioni

“ Giornata storica” – L’Amministrazione Mascaro vuole fortemente il risanamento contabile
404 0
Lamezia : passano il Bilancio di previsione 2016, il piano triennale OO.PP ed il piano delle alienazioni

Politicamente ed amministrativamente è una giornata per certi versi storica per la Giunta comunale guidata dal Sindaco Paolo Mascaro e per tutta la Città: al Consiglio comunale, infatti, passano come approvati il bilancio previsionale 2016, il Piano  triennale delle opere pubbliche ed il Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari per l’anno 2016.

Ovviamente non roba di tutti i giorni, anche per via di un clima che galvanizza una ancor fortificata maggioranza consiliare, arricchitasi dall’ingresso del consigliere Paladino in quegli scranni , tutti impegnati in “amor gratia Dei” a collaborare per un Sindaco “ che vuole cambiare profondamente e concretamente Lamezia”.

aula consiglio Lamezia

Si inizia con un “memorial” per Giancarlo Calidonna, commissario cittadino del NCD, prematuramente scomparso proprio nei giorni scorsi.

E il Sindaco Mascaro, orgoglioso per questo cammino, si dimostra carico di ringraziamenti per tutti e per tutto, convinto che insieme si potrà gridare un “NO” deciso alla città dell’odio e delle chiacchiere, “puntando così alla rinascita di una città massacrata”-

Sul piano triennale delle alienazioni, Mascaro sottolinea che esso è un Piano dinamico, in grado di procedere ancora una volta alla vendita di ulteriori beni.

Dopo aver ricordato come il DUP preveda una sezione strategica ed un’altra operativa, avverte che in tale documento deve trovare slancio il Piano triennale delle opere pubbliche, evidenziando che il DUP sia effettivamente una spinta di vitale importanza per la qualità della programmazione e della gestione. Tesi sulla quale si allinea, nel corso del suo intervento in aula consiliare, il consigliere Pasqualino Ruberto, che avverte : sarà difficile redigere un’analisi dei documenti in guanto, oltretutto, “c’è un sistema che < fa schifo> a livello nazionale. Auspico”, aggiunge, “ una netta inversione di tendenza rispetto alla gestione complessiva di questi percorsi”.

Il consigliere Rosario Piccioni esprime dei dubbi sui contenuti del DUP e sul Piano delle alienazioni, mentre il consigliere Chirumbolo fa un tuffo nel passato per sottolineare in tal modo i forti ritardi accumulati dalle precedenti Amministrazioni, ammonendo come questa opposizione “ non ha i requisiti per bacchettare questa Amministrazione”.

Il consigliere De Biase anticipa il suo pieno consenso all’attività amministrativa guidata dal Sindaco Mascaro, mentre alla opposizione rivolge un caloroso appello alla moderazione per dare così il segno concreto di una nuova stagione a beneficio della Città.

Tutto rivolto sulle tematiche sociali l’intervento del consigliere Mimmo Gianturco, secondo cui il Piano delle alienazioni, ad esempio, deve coniugarsi alla emergenza abitativa, tenendo conto di quante famiglie non hanno un tetto sotto cui trovare riparo.

Ed ancora è il Sindaco Paolo Mascaro a dare risposte assicurative a quanti hanno espresso dubbi o avanzato nuove richieste di intervento. In merito, si sofferma su alcuni punti, come:

  • con la Regione c’è in corso una interlocuzione continua , attenta e responsabile;
  • l’implementazione della raccolta differenziata è in attesa, da giorno in giorno, del finanziamento per circa 3 milioni e mezzo;
  • sulla sanità c’è tutta la massima attenzione per dare risposte alle carenze ed ai dubbi manifestati da più tempo e da più parti.
  • E poi: dalla  giusta valorizzazione del Centro storico di Sambiase al Progetto Finanza ( che prevede l’ammodernamento ed il potenziamento dell’illuminazione pubblica;
  • l’attenzione verso il Piano delle alienazioni  e l’attenzione verso quelle risorse che esprimono il carattere delle urgenze.

Nella successiva votazione, tutti i punti in discussione passano con i 15 – 16 SI venuti dai banchi della maggioranza, contro i 5 NO della opposizione.

La battaglia, se così si può dire, passa poi dalle parti della illustrazione del Bilancio previsionale, su cui c’è l’ampia e convincente illustrazione del Sindaco Mascaro, che detiene anche l’assessorato al Bilancio.

Soffermandosi sul Duel, ricorda come tale normativa preveda che gli Enti locali devono ispirare la propria gestione al principio della programmazione; il sistema, quando sarà a regime, prevede sostanzialmente che entro il 31 luglio di ogni anno gli Enti locali debbano presentare il Tub e deliberare poi il bilancio di previsione ancorato a questi principi.

Purtroppo, sottolinea Mascaro, “ ereditiamo delle situazioni abbastanza incancrenite di incapacità di rispettare i termini, della incapacità di rispettare le proroghe e, quindi, di necessità ad arrivare giusto in tempo a quelli che sono i termini di legge.

In sintesi, i principali riferimenti contabili del bilancio previsionale, che prevede un totale di equilibrio pari a 180 milioni ( ovviamente sia in entrata che in uscita), prevedendo alcuni passaggi di entrate:

Entrate tributarie : circa 48 milioni, meno dei 50 previsti nel 2015, con 14 milioni di trasferimenti e 4 milioni e 385 mila come entrate extratributarie, 41 milioni per entrate in conto capitale, senza accensioni prestiti e la conferma di 60 milioni come anticipazioni.

Entrate servizi conto terzi circa 8 milioni, in aumento.

Il capitolo riguardante le spese ( e sempre da noi riportate per sommi capi): da evidenziare il disavanzo di amministrazione pari a 2 milioni e 437 mila; le spese correnti in conto capitale per 110 milioni; rimborsi prestiti 2016 per 4 milioni e 143 mila ( il noto “bollettone” di cui s’era parlato nelle settimane scorse).

Purtroppo, ricorda ancora il Sindaco, le colpe dei padri vanno a ricadere sui figli, ma è una Amministrazione decisa a rimettere i conti a posto, nei cinque o nei nove anni, per come lo stesso Sindaco ha chiosato.