Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Anche Galati a difesa dell’ospedale lametino

759 5

Il ridimensionamento in atto del centro trasfusionale dell’Ospedale Giovanni Paolo II di Lamezia Terme in centro prelievi potrebbe causare una penalizzazione rilevante per il nosocomio cittadino in quanto genererebbe una difficoltà notevole per l’utenza e determinerebbe una conseguente difficoltà per alcuni reparti.

In una missiva indirizzata al Presidente f.f. della Regione Calabria, Antonella Stasi, così l’on. di Forza Italia Pino Galati, il quale sottolinea come “sia i reparti che svolgono attività medica che chirurgica necessitano della presenza del centro trasfusionale per affrontare determinate patologie o le emergenze che quotidianamente possono verificarsi’”. Per Galati il ridimensionamento del centro trasfusionale causerebbe serie difficoltà nell’erogazione dei servizi ai cittadini “ho più volte sollecitato al Ministro Lorenzin lo sblocco del turn-over in Calabria, in quanto sopperire alla carenza di personale è esigenza prioritaria se si vuole una sanità che dia risposte quotidiane ed efficienti ai cittadini”. L’onorevole pone all’attenzione della Stasi i problemi del nosocomio lametino “mancanza di primari e di personale medico e paramedico in alcuni reparti dell’ospedale lametino. Una sanità efficiente non può prescindere dalle risorse umane”. La lettera si conclude con l’offerta di collaborazione di Galati “spero che il declassamento del Centro trasfusionale venga scongiurato. Continuo a mettere a disposizione ogni forma di collaborazione utile ad intraprendere iniziative dirette a tutelare il comparto della sanità e soprattutto i cittadini che devono vedere salvaguardato un loro diritto fondamentale, quello alla salute”