Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

La politica lametina riesce a litigare anche sugli animali

,
651 0

Nel Consiglio Comunale di ieri mattina si discuteva l’approvazione del regolamento per la tutela degli animali. Un argomento non così ostico da essere oggetto di divisione tra le varie forze politiche presenti in aula. Non è stato così per i politici lametini che, anche su questo argomento,  hanno consumato le loro battaglie partitiche e personali.

Principale protagonista il Partito Democratico, il quale non si smentisce mai per la sua “compattezza”. A relazionare sul regolamento è stata Mariolina Tropea, Presidente della III Commissione (Servizi sociali, Sanità e Ambiente), ma Aquila Villella lamenta il mancato passaggio dell’atto dalla Commissione che lei stessa presiede, ovvero Affari generali ed Istituzionali. Eppure son dello stesso partito, il Pd per l’appunto. Mancanza di dialogo? “La proposta è arrivata in Consiglio Comunale dalla III Commissione e non dalla Giunta, quindi, nessuna responsabilità da parte della Presidenza del Consiglio” precisa Grandinetti che rivolgendosi alla Consigliere Villella afferma “il documento è nella disponibilità dei vari consiglieri da diversi giorni, se si reputava necessario un passaggio in I Commissione se ne poteva fare adeguata richiesta”. L’unione nel Pd, però, è venuta alla luce anche nel secondo punto all’ordine del giorno. La maggioranza, quindi anche i democratici, escono dall’aula per far mancare il numero legale e non discutere della vicenda Imu, ma a far segnare la sua presenza in aulac’è Gabriella Maria De Sensi, la penultima new entry nel gruppo consiliare del PD.Antonello Sdanganelli, Progetto Lamezia, invece, si distingue dal suo gruppo astenendosi dall’approvare il regolamento. Il Consigliere ha utilizzato la dialettica caratteristica della sua professione ( avvocato), ma la motivazione in buona sostanza era l’inutilità dell’atto. E mentre Villella sottolinea come  sarebbe auspicabile che chi chiede il rispetto per gli animali abbia una posizione di tutela verso rom ed immigrati, Massimo Cristiano, sentitosi tirato in ballo, risponde che è meglio dare priorità agli italiani.

Oltre un’ora di dibattito, e si trattava solo di regolamento a tutela degli animali!. Sich!