Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Oliverio è il nuovo Presidente dalla Calabria. I seggi, gli eletti e Wanda Ferro che non entra nel Consiglio

,
1.03K 0

L’Ufficio elettorale centrale presso la Corte d’appello di Catanzaro, che ha proclamato Mario Oliverio nuovo Governatore della Calabria, ha provveduto anche alla ripartizione degli ulteriori seggi dei consiglieri eletti con i cosiddetti resti, ripartiti su base proporzionale alle varie liste, dopo quelli eletti a “quoziente pieno” già proclamati dagli uffici circoscrizionali.

Dovrebbe essere confermato il primo quadro già delineato dal Viminale rispetto agli esiti del voto dello scorso 23 novembre.

Al centrosinistra, guidato dal presidente Mario Oliverio, 19 seggi.
Per il PD 9 consiglieri: Carlo Guccione, Giuseppe Aieta e Mimmo Bevacqua (circoscrizione Nord), Antonio Scalzo, Vincenzo Ciconte e Michele Mirabello (circoscrizione Centro), Sebi Romeo, Nicola Irto e Mimmo Battaglia (circoscrizione Sud).
Quattro seggi per “Lista Oliverio Presidente”: Franco Sergio e Mauro D’Acri (circoscrizione Nord), Vincenzo Pasqua (circoscrizione Centro), Francesco D’Agostino (circoscrizione Sud);
Tre seggi per Democratici Progressisti: Giuseppe Giudiceandrea (circoscrizione Nord), Arturo Bova (circoscrizione Centro) e Peppe Neri (circoscrizione Sud);
Due per Calabria in Rete: Salvatore Magarò (circoscrizione Nord) e Flora Sculco (circoscrizione Centro).

L’opposizione ha 11 consiglieri.
Cinque per Forza Italia: Fausto Orsomarso e Giuseppe Morrone (circoscrizione Nord), Mimmo Tallini e Nazzareno Salerno (circoscrizione Centro), Alessandro Nicolò (circoscrizione Sud);
Tre per Casa delle libertà: Graziano Giuseppe (circoscrizione Nord), Giuseppe Mangialavori (circoscrizione Centro) e Francesco Cannizzaro (circoscrizione Sud);
Tre per NCD: Giuseppe Gentile (circoscrizione Nord), Baldo Esposito (circoscrizione Centro) e Giovanni Arruzzolo (circoscrizione Sud).

Sfumare, invece, la possibilità che entri in Consiglio regionale Wanda Ferro, arrivata seconda tra i candidati governatori. L’ex presidente della Provincia di Catanzaro ha presentato un dossier contestando l’interpretazione della nuova legge regionale che cancellerebbe lo scranno finora riservato al primo tra gli sconfitti a discapito dell’ultimo tra gli eletti della coalizione, in questo caso il cosentino Ennio Morrone. Ai giornalisti, però, il presidente del Collegio elettorale Fabrizio Cosentino ha dichiarato che è «esclusa» l’ipotesi di ammissione della candidata di centrodestra a Palazzo Campanella.